preload-image
Una sveglia all’elettorato

Ruggiero Capone punta il dito contro la riduzione dei parlamentari, l’abolizione della prescrizione e il carcere duro (41 bis) per gli evasori fiscali... Un combinato disposto che introdurrà una terribile dittatura fiscale e finanziaria in Italia, rendendo invivibile il rapporto con burocrazia ed istituzioni tutte. “Il nuovo gruppo di potere intende così sclerotizzare la società italiana, e probabilmente questo si realizza sotto il controllo di potentati multinazionali – spiega – Continua così la corsa dell’Italia verso il precipizio. Presto le condizioni di vita saranno paritetiche a quelle di una “democrazia” sudamericana di metà anni Settanta. Per il momento non ci resta che confidare in un referendum che mantenga il numero dei parlamentari. Poi in una robusta opposizione nelle aule all’abolizione della prescrizione. Per quanto riguarda il 41 bis, di cui tanto si è vantato il pentastellato Nicola Morra, rammentiamo che è stato bocciato dalla Corte di Strasburgo”.

ULTIMI VIDEO

Destra Liberale, l’intervento di Michele Gelardi

Destra Liberale, l’intervento di Alessandro Sacchi

Le “Macchine Parlanti” in mostra nel borgo antico di Celleno

Diaconale e Basini lanciano la Destra Liberale

Lo "Stato Minimo" secondo Gianluca Lucatelli